Mangiare & Bere

Artigiano Toscano contro Grande Distribuzione… comparativa Crema-Patè di Carciofi…

crema carciofi radici lidl
crema carciofi radici lidl

Prodotto n°1: “Crema di Carciofi – Prodotto Biologico” della Azienda Agricola Radici di Masi Sandra – Sede e stabilimento: Loro Ciuffenna (AR) – Ingredienti: Carciofi BIO 90% – Olio Extravergine di Oliva BIO – Sale – Prezzemolo BIO – Pepe BIO – Aceto BIO. – Prezzo medio online Euro 7,00.

Prodotto n°2: “Patè di Carciofi – Prodotto Pastorizzato” prodotto per Lidl Italia da La Reinese srl nello stabilimento di C/da Saude Z.I., I-82020 Reino (BN) – Ingredienti: 62% Carciofi – 28% Olio di Semi di Girasole – 8,5 Olio Extra Vergine di Oliva – Aglio – Sale da Cucina – Aceto di Vino (Contiene anidride solforosa) – correttore di acidità: acido citrico – SENZA GLUTINE – Può contenere tracce di pesce e sedano. – Prezzo al supermercato Euro 1,29.

Intanto diciamo che sono entrambi prodotti italiani quindi abbiamo comunque scelto già bene, certo il prodotto Radici si eleva per la certificazione di Prodotto Biologico (inoltre tutti i singoli ingredienti, eccetto il sale, sono comunque biologici).

Sul puro fronte prezzo è ovvio che Lidl sembra vincere a mani basse: facendo anche il calcolo a costo per grammo di carciofo si ottiene 4 centesimi al grammo per Radici contro 1 centesimo al grammo di Lidl… ma dovremo riconsiderare queste valutazioni in base al “costo x condire una porzione”…

All’assaggio i due prodotti sono ovviamente molto ma molto differenti.

Il Lidl appare come un macinato molto morbido, quasi semiliquido, di carciofini in un bagno d’olio, messo in bocca l’olio impermeabilizza il palato e quindi il gusto dei carciofi fatica davvero parecchio a farsi sentire, gusto che quando arriva è comunque assai delicato, fresco e gradevole.

Il Radici è un patè compattissimo che si fa fatica ad estrarre anche con un cucchiaino, pur macinato davvero fino si sente al palato la trama delle fibre di foglia di carciofo, sapore talmente intenso e caratteristico (e colore verde piuttosto scuro) che si direbbe fatto con carciofi interi e ben maturati, non con carciofini “novelli” o soli cuori di carciofi.

Condisco la pasta per due persone con metà barattolo Lidl e la pasta per altri due con metà barattolo Radici, aggiungendo ad entrambi un po di acqua di cottura ed un giro di Olio Extra Vergine. Assaggio alla cieca, nel senso che sono davvero bendato, altrimenti dall’aspetto i due piatti sarebbero subito ben identificabili. Risultato: il piatto Radici ha un profumo che si sente col piatto sulla tavola, un gusto che è intensissimo e davvero, come dire, rustico nel senso più buono e naturale del termine – il piatto di Lidl, purtroppo, non ha odore alcuno ed il gusto ha solo un lontanissimo sentore di carciofo… insomma sembra quasi una pasta all’olio… Faccio un esperimento e provo a condire la pasta per due con un vasetto intero di Lidl, cercando anche di dare una scolata all’olio davvero eccessivo… Risultato: il profumo continua ad essere debolissimo, certo il gusto si è intensificato, ma siamo ancora anni luce lontani da quello di Radici.

Conclusioni: il prodotto Lidl si difende bene sul prezzo e non è poi cattivo, anzi, solo che sa di poco ed è annegato nell’olio… e se devo più che raddoppiare la dose in grammi per porzione, allora il prezzo non è più 4 volte inferiore a Radici, ma arriva a poco meno della metà… il prodotto Radici è indubbiamente un po caro, ma spesso i prodotti BIO, anche a parità di altre caratteristiche, costano molto di più… comunque la qualità si paga (e dico io è giusto che si paghi!) e qui la qualità è davvero elevatissima, inoltre il tipo di “ricetta”e l’intensità del gusto gli fanno vincere a mani basse qualsiasi altro tipo di confronto.

Brava Lidl per mettere alla portata di tutti un prodotto comunque abbastanza buono ed italiano, bravissima alla Sandra Masi di Radici che ci regala, come sempre, qualcosa di semplicemente eccezionale.

 

 

About the author

Marco "Doctor Tuscany" Tenerini

Professionista consulente Marketing Food & Wine anni prima di Facebook, coniugo marketing digitale e tecniche tradizionali. Da Export Manager ho venduto 1.500.000 bottiglie all'anno e visitato 36 paesi. Oggi aiuto le aziende alimentari e vinicole nel web marketing e nella comunicazione commerciale. Creatore del primo sistema di e-commerce Food in Italia, vincitore del Golden Triangle per i migliori siti food. Ho insegnato in Università e Scuole Superiori e scritto il libro "Guida al corretto Business in rete per le imprese" (Ed. Adiconsum). Storyteller in "Storie di Piatti" (Ed. Regione Toscana) per EXPO 2015. Esperto di cucina, vini, fotografia del Food e paladino del made in Tuscany. Marketing emozionale e concretezza commerciale: da Stilista di Moda, porto nella consulenza fantasia, passione e sguardo al futuro… da Tenente dei Carabinieri, organizzazione, senso etico, serietà... e la cravatta!