Arte, Storia & Misteri

Geografia emozionale della Toscana… viaggio di confini per capire le genti… Parte 04

Comincia QUI (Parte 01)
Eccoci quindi al mare di Toscana… questo lunghissimo lato che alterna spiagge e montagne, tra colline che si gettano direttamente in mare e grandi estensioni di pianure una volta paludose… qui però dobbiamo soffermarci perché siamo arrivati in una terra misteriosa… è un punto dove i toscani passano poco volentieri, dalla terra di Pisa repubblica marinara si entrava nella terra di Genova repubblica marinara, nemica militare e commerciale di sempre… un confine sia terrestre che marittimo, spesso guerreggiato…

Ma i misteri in questa zona di grande passaggio vengono da molto lontano, la strada a che passa oggi per Luni, che non è più paese quanto un centro archeologico, risale agli Etruschi, perché Luni era al centro di una civiltà pre-etrusca che ci ha lasciato delle steli alquanto misteriose, in uno stile grafico molto moderno…qualcuno dice alieno…
Luni diventa anche un’importantissima colonia romana, era a l’ultimo porto, e porta, verso le Gallie, dove sbucava la via Emilia, la prima passata lungo tutta la costa toscana congiungendosi con la via Aurelia…

La stessa via Francigena, quella che intorno all’anno 1000 portava da Roma verso la Francia passa proprio da Pontremoli, passo della Cisa, Sarzana, Luni come tappa importante, Camaiore, Lucca, attraversa il confine fra l’Arno nero e l’Arno bianco per scendere poi a San Gimignano, Siena, San Quirico, Radicofani, Acquapendente (tappe oggi, anziché di pellegrini, gentlemen drivers della Mille Miglia) dove, attraversando il fiume Paglia, si entrava in Lazio, o meglio dalle terre di Toscana si entrava nelle terre del papato.

Parlare del mare come sentito dai toscani potrebbe diventare lungo.. è già meno preoccupante degli altri confini di Toscana, quelli che abbiamo già visto e gli altri, altrettanto montuosi o meno che vedremo, sono comunque terre di castelli, terre di strade presidiate… il mare nella sua infinita estensione ha sempre voluto dire, per tutti i popoli che si sono succeduti in Toscana, tutto il bene e tutto il male… dal tempo di Pisa Repubblica marinara al tempo degli Etruschi, alle moderne aree turistiche… gli Etruschi, se non autoctoni, dovrebbero essere arrivati proprio in Toscana via mare, sembra dalla Turchia, dalla quale avevano portato le viti (arrivate in Turchia dal Kazakistan)…

Gli Etruschi poi furono un popolo di grandi produttori di arte e di artigianato, che commerciavano soprattutto via mare con tutto il Mediterraneo… del resto dopo il mare diventa qualcosa di più preoccupante… è un confine da fortificare anch’esso, poiché con lo sviluppo dell’Impero Ottomano il Mediterraneo diventa sostanzialmente un mare combattuto fra turchi e repubbliche marinare e alla fine fra turchi e l’ultima delle repubbliche marinare, Venezia…

Cominciamo comunque a dare un’occhiata moderna a questa parte di Toscana che si chiama Versilia, sono spiagge da Marina di Carrara a Marina di Massa, di turismo non eccessivo, direi sobrio, una pianura coltivata che si lancia tra un case basse e tranquille verso il mare… poi nella parte tra Forte dei Marmi (“IL” Forte…) e Viareggio il discorso cambia: Forte dei Marmi è stato da sempre “il mare” dei fiorentini o comunque dei nobili e ricchi toscani da quando è venuta la moda dei bagni al mare e quindi dal primo ottocento…

Difatti l’architettura predominante e tipica di questa zona è quella proprio l’architettura Liberty, proseguita poi negli anni 20-30 fino alla seconda guerra mondiale con architetture più moderniste-futuriste-“fasciste”…

Certo questo oggi è sentito come un gran bel confine: Forte dei Marmi è dalla fine della guerra ad oggi, il centro della bella vita e della musica, marittima estensione della Dolce Vita romana, e come non citare un locale più che storico iconico come La Capannina…

Prosegue QUI (Parte 5)

About the author

Marco "Doctor Tuscany" Tenerini

Professionista consulente Marketing Food & Wine anni prima di Facebook, coniugo marketing digitale e tecniche tradizionali. Da Export Manager ho venduto 1.500.000 bottiglie all'anno e visitato 36 paesi. Oggi aiuto le aziende alimentari e vinicole nel web marketing e nella comunicazione commerciale. Creatore del primo sistema di e-commerce Food in Italia, vincitore del Golden Triangle per i migliori siti food. Ho insegnato in Università e Scuole Superiori e scritto il libro "Guida al corretto Business in rete per le imprese" (Ed. Adiconsum). Storyteller in "Storie di Piatti" (Ed. Regione Toscana) per EXPO 2015. Esperto di cucina, vini, fotografia del Food e paladino del made in Tuscany. Marketing emozionale e concretezza commerciale: da Stilista di Moda, porto nella consulenza fantasia, passione e sguardo al futuro… da Tenente dei Carabinieri, organizzazione, senso etico, serietà... e la cravatta!