Mangiare & Bere

Un bianco “importante” che sa come piacere alle signore… Il Vasario…

Vinitaly Tenuta del Buonamico Vasario Bianco
Vinitaly Tenuta del Buonamico Vasario Bianco

Tenuta del BUONAMICO – IGT Toscana (Supertuscan…) “Vasario”
Il Vasario è un IGT che io ricordavo essere un blend Pinot Bianco e Sauvignon Blanc (e tale risulta ancora in varie comunicazioni dell’azienda)… solo che poi nella scheda online viene descritto come Pinot Bianco in purezza… non mi preoccupo affatto, con qualunque cosa sia fatto, mi interessano sempre le emozioni che un vino sa suscitare… (a proposito, qui nel Montecarlo i vitigni cosiddetti “internazionali” sono di casa dai primi dell’800, così compaiono nel disciplinare, per cui quelli che altrove sarebbero Superuscans qui sono DOC – comunque i miei tre amici sono, per scelta aziendale, “semplici” IGT…o Supertuscans?).

Il colore è un bel giallo allegro, seppur di certo un po’ falsato dalle luci della fiera, è limpidissimo e pieno di riflessi interni che vanno dal dorato al verdolino…interessante, anche se amo di più i rossi…

E’ forse un po’ troppo freddo (bottiglia avviata immersa da un bel po’ nei cubetti di ghiaccio…) ed i profumi ci mettono un po’ a svilupparsi a dovere, sentori contrastati, dolci ed aciduli insieme…interessante, sempre più intenso all’aumentare della temperatura, si sviluppano profumi di pesche e mele mature e campo fiorito, sempre con quel che di acidulo e speziato che lo aggrazia molto.

In bocca è ampio ed appagante come un ottimo rosso, sapido, si avverte subito un piacevole mix di miele e fiori di mimosa, il tutto contribuisce a fargli fare un effetto da vino “importante”, quale per me è sempre stato… finale lungo, molto soddisfacente, palato pulito e lievemente profumato ancora di miele e fiori…

Nell’insieme, per quanto ho sentito, piace molto alle signore… e può contribuire a sollazzare anche i signori quando abbinato a piatti giusti.

A proposito di piatti giusti, lo vedo gradevolissimo con tutti i piatti toscani a base di verdure nei quali non compaia il pomodoro, e considerando la particolare speziatura, con un Pollo al Finocchio (ricetta QUI) ed un Coniglio in Porchetta (ricetta QUI)…ah, ora che siamo in primavera del Pecorino Marzolino (QUI) con le fave fresche.

About the author

Marco "Doctor Tuscany" Tenerini

Professionista consulente Marketing Food & Wine anni prima di Facebook, coniugo marketing digitale e tecniche tradizionali. Da Export Manager ho venduto 1.500.000 bottiglie all'anno e visitato 36 paesi. Oggi aiuto le aziende alimentari e vinicole nel web marketing e nella comunicazione commerciale. Creatore del primo sistema di e-commerce Food in Italia, vincitore del Golden Triangle per i migliori siti food. Ho insegnato in Università e Scuole Superiori e scritto il libro "Guida al corretto Business in rete per le imprese" (Ed. Adiconsum). Storyteller in "Storie di Piatti" (Ed. Regione Toscana) per EXPO 2015. Esperto di cucina, vini, fotografia del Food e paladino del made in Tuscany. Marketing emozionale e concretezza commerciale: da Stilista di Moda, porto nella consulenza fantasia, passione e sguardo al futuro… da Tenente dei Carabinieri, organizzazione, senso etico, serietà... e la cravatta!